Tavignano

Cantina

La cantina di Tenuta di Tavignano è il luogo dove vengono custoditi i segreti del processo di vinificazione. È una moderna struttura, scavata sottoterra per tenere sotto controllo la temperatura a livello naturale ricorrendo al minimo utilizzo di energia. Ricostruita ex novo nel 2005, è stata dotata di nuovi serbatoi con capienze differenti: 25, 50, 75, 100 fino ad arrivare a un massimo di 150 ettolitri, ed ingrandita. Le dimensioni sono infatti raddoppiate e oggi conta una superficie di 500 metri quadri. La barricaia, si trova sulla casa padronale, al piano terra-seminterrato, e conta barriques di rovere francese e botti grandi di rovere di Slavonia, con dimensioni dai 15 ai 25 ettolitri. Le operazioni di cantina sono orientate a preservare le caratteristiche originali delle uve. La vinificazione dei vini bianchi è effettuata con pressatura soffice delle uve per l’estrazione del mosto mentre la fermentazione avviene a temperatura controllata.



Per garantire il mantenimento della natura del vino, la Tenuta privilegia per tutti i vini bianchi e rosati affinamenti in acciaio su fecce fini. Nessun vino bianco della tenuta effettua la macerazione sulle bucce, fatta eccezione per “La Vergine” della linea I Love Monsters. I vini rossi sono prodotti attraverso lunghe fermentazioni a contatto con le bucce, fermentazione malolattica per quasi tutte le etichette della gamma e affinamento in barrique e botti di 2° e 3° passaggio.