Tavignano

Viticoltura

etica e sostenibile

Il rispetto dell’ecosistema ha accompagnato la crescita aziendale, una prerogativa che esprime appieno la flosofia che la famiglia ha deciso di seguire, per preservare lo straordinario ambiente circostante. L’azienda ha da sempre adoperato tecniche di gestione del vigneto a basso impatto ambientale, attraverso un monitoraggio continuo dello stato sanitario delle viti e interventi di difesa eseguiti solo in caso di necessità. A supporto di questo approccio etico, a partire dalla vendemmia 2015, è iniziata la conversione di tutti i vigneti ad agricoltura biologica. Le vigne posizionate ad un’altitudine di 260/320 m s.l.m. e con un’età media delle piante attorno ai 20 anni di età, differiscono per caratteristiche del terreno ed esposizione. In funzione delle peculiarità di ogni appezzamento, in epoca d’impianto, sono state accuratamente selezionate le varietà più vocate ed idonee.



Riguardo alla gestione e alla protezione dei vigneti da agenti patogeni, l’azienda è fortemente impegnata nello studio di tecniche innovative, che vanno oltre le regole del disciplinare biologico. Grazie a un continuo aggiornamento sulla ricerca relativa agli integratori di resistenze naturali e sui mezzi microbiologici attivi contro le principali avversità della vite, riesce infatti ad avvalersi di tecniche di difesa alternative ma valide con il minimo utilizzo di rame che, a lungo andare, può danneggiare comunque l’ambiente.